Il sito del progetto Portanuova: Una storia che inizia negli anni ’30

Il sito del progetto: una storia che inizia negli anni ’30

 

Corrado Giacomini, Professore ordinario di Economia Agroalimentare presso l’Università degli Studi di Parma e Presidente di VI.V.O Cantine (Viticoltori Veneto Orientale) ci racconta la storia del sito della Cantina dei Talenti e ci spiega perché si tratta di un progetto importante per il territorio e per tutta la filiera agroalimentare.

“Partiamo dalla storia del luogo in cui sorgerà la Cantina dei Talenti. Si tratta dell’edificio in cui aveva sede la cantina sociale di San Donà di Piave, nata nel 1931, anticipando i tempi in quanto le altre cantine cooperative hanno visto la luce solo negli anni ’50-’60 su spinta delle politiche dei governi dell’epoca. Da sempre essa si è distinta per le dimensioni (numero di soci e quantitativi di uva conferiti) e per la struttura architettonica, rappresentando oggi un simbolo di archeologia industriale. Fino al 2007 la cantina di San Donà di Piave ha fatto parte, assieme alle altre 4 cantine sociali del veneziano, del gruppo cooperativo Viticoltori del Veneto Orientale (Vi.V.O. Cantine sca), che riunisce 8 cantine sociali con 2.000 soci, 6.000 ettari di vigneto e quasi 120 milioni di fatturato. I numeri parlano da soli: Vi.V.O. Cantine non è solo una grande impresa ma, essendo una cooperativa, è un attore fondamentale per lo sviluppo dell’agricoltura di tutto il veneziano.

Siamo molto interessati al progetto Cantina dei Talenti, perché vediamo in essa una grande opportunità. Può ridare vita alla vecchia sede sociale, creando un punto di richiamo per tutta la popolazione che abita e che giunge nel territorio, soprattutto nel periodo estivo. Studi recenti ci dicono che l’epoca dei consumi di massa è superata e che i consumatori cercano sempre di più prodotti a km zero, specialità regionali, eccellenze agroalimentari della zona e Cantina dei Talenti può essere il luogo adatto per far conoscere e offrire questi prodotti. Può essere, inoltre, un punto dove possono collocarsi innovative start up d’impresa, dove organizzare percorsi di formazione per i giovani nel settore agroalimentare. Cantina dei Talenti con la sua storia, con la sua bellezza architettonica, con le attività che si insedieranno nell’ambito del Progetto “Porta Nuova” consentirà a San Donà di Piave di non essere più la stessa. Mi auguro che tanti altri si uniscano per far nascere questo Progetto, prime tra tutti le organizzazioni professionali degli agricoltori.”

Per tutte le informazioni sul bando clicca qui.

 

Prossime scadenze:

  • lunedì 7 febbraio alle ore 12: termine per la presentazione della domanda di partecipazione (manifestazione di interesse)
  • giovedì 27 gennaio alle ore 12: termine entro cui poter richiedere chiarimenti
  • venerdì 4 febbraio: termine entro cui effettuare il sopralluogo (obbligatorio), previa richiesta all’indirizzo e-mail andrea.gallimberti@sandonadipiave.net specificando nell’oggetto “RICHIESTA DI SOPRALLUOGO – PROCEDURA DI DIALOGO COMPETITIVO”

San Donà di Piave. Una città da scoprire, una città su cui investire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print